Salviamoci da Amazon: Come Rendersi Indipendenti e Salvare il Proprio Business

Gennaio 3, 2020by Let Me Copy10
https://letmecopy.com/wp-content/uploads/2020/01/amz-1280x853.jpg

Vendere su Amazon può essere estremamente soddisfacente: tanta visibilità, tante vendite e il supporto di una delle migliori logistiche al mondo.

Ma è tutto rose e fiori? Non sempre. Uno dei pericoli maggiori per un’azienda è quello di non avere il pieno controllo del proprio destino.

A volte perché un cliente grosso decide il 70% del fatturato, altre volte perché la piattaforma in cui si vende può fare il bello ed il cattivo tempo senza che tu possa mettere voce in capitolo.

Hai mai pensato a cosa succederebbe al tuo business se un giorno Amazon decidesse di bloccare il tuo conto?

Non è una possibilità remota: ogni giorno sul web appaiono richieste disperate di persone a cui Amazon ha disattivato l’account e rimosso ogni possibilità di vendere.

Queste persone si vedono crollare da un giorno all’altro il fatturato su cui contavano per poter pagare dipendenti, fornitori e pubblicità. C’è di più: Amazon può decidere di bloccare i fondi provenienti dalle tue vendite per 90 giorni prima di rimborsarti, contribuendo a portare in negativo il cashflow (in un business di eCommerce in cui il cashflow è tutto).

Sia chiaro: non abbiamo nulla contro Amazon. È nel suo pieno diritto scegliere come gestire i propri seller. In questo articolo però vogliamo aprire gli occhi sulla possibilità concreta di rendersi indipendenti, eliminare la paura della disattivazione Amazon e creare una fonte di guadagno esterna ed estremamente soddisfacente.

Se dovessimo ridurre ad una sola strategia il modo per rendersi indipendenti da Amazon, la soluzione che consiglieremmo sarebbe: landing page + traffico esterno.

Se lo vorrai, potrai delegare a noi di LetMeCopy, la prima agenzia di marketing persuasivo in Italia, la realizzazione del tuo marketing per rendere il tuo business indipendente da Amazon.

Alternativa ad Amazon, Qual è?

Molti imprenditori che si rivolgono ad Amazon per le vendite online arrivano dall’esperienza del proprio negozio fisico. Amazon risulta una delle strade più veloci per portare nuove vendite al proprio business. Il rischio, ovviamente, è di cullarsi e poi di ritrovarsi con un pugno di mosche in mano quando Amazon aggiorna l’algoritmo o decide che non facciamo più per lui.

Allora qual è l’alternativa di valore ad Amazon?

La risposta è: Landing page + Traffico Esterno.

La Landing Page è una pagina di presentazione, simile alle pagine prodotto di Amazon, ma che si trova sul tuo sito e quindi è 100% di tua proprietà. Questa pagina ha un solo scopo: quello di vendere il tuo prodotto.

Una landing page scritta bene ed in maniera persuasiva dovrebbe convertire a freddo al 2%. Questo significa che ogni 100 visitatori in target, due acquistano.

Ovviamente non basta che ci sia una landing page. Per vendere devi portare traffico, cioè potenziali clienti, a visitarla.

Al giorno d’oggi le fonti principali di traffico a pagamento (quindi a comando) che vengono usate per vendere prodotti fisici mantenendo alti margini sono Facebook Ads e Google Ads.

Adesso che hai capito (a grandi linee) quali sono i due strumenti fondamentali per rendere il tuo business indipendente da Amazon, vogliamo parlarti di tutti i vantaggi di usare traffico e pagine web proprie rispetto ad usare Amazon.

Vantaggi di Usare una Landing Page al Posto di Amazon

1. Tu al Centro, Non il Cliente

Al centro della vendita, per Amazon, non ci sei tu come venditore, ma il cliente. Amazon cerca sempre di portare il potenziale cliente verso prodotti che soddisfano due scopi:

  1. Sono la scelta giusta per il tuo cliente
  2. Portano un buon margine di guadagno ad Amazon

Per questo motivo, nella stessa pagina di presentazione del tuo prodotto appariranno prodotti simili, se non uguali, dei tuoi concorrenti. Che significa? Che perdi tanto traffico di persone interessate a quel prodotto ma attratte da altri oggetti luccicanti.

Inoltre alcune aziende sospettano Amazon di sfruttare i dati delle vendite dei prodotti di successo per copiarli e riprodurli col proprio brand. Ne è un esempio l’azienda Rain Design, che aveva ottenuto 2.500 recensioni per il suo stand per Laptop prima di vedersi spuntare un modello simile sotto il cappello Amazon Basics venduto a meno della metà dell’originale (“non possiamo farci niente, perché non hanno violato alcun brevetto” – hanno dichiarato).

Con una tua landing page è un po’ come se facessi entrare il potenziale cliente nel tuo mondo, in cui decidi tu le regole: prezzo, descrizione, condizioni dell’offerta…hai pieni poteri di fare e dire quello che vuoi.

“Ma le persone non possono semplicemente aprire Amazon e cercare prodotti simili?” – potresti chiederti.

La risposta è che molti acquisti avvengono in maniera impulsiva, senza che l’utente cerchi il prodotto su altre fonti. Inoltre esistono molti escamotage persuasivi per convincere la persona che è rischioso o meno conveniente comprare su Amazon rispetto ad ordinare dalla tua pagina di presentazione ufficiale.

2. Non Hai Commissioni

Un punto molto dolente per tutti: su Amazon la maggior parte dei venditori paga una media di commissioni del 15% del prezzo, che in base alla categoria può arrivare anche al 20%. Questo è proprio il margine che il venditore vorrebbe tenersi come guadagno. Se ti sei trovato a dover abbassare i prezzi pur di competere e rimanere a galla, non sei solo.

Se abbassi il prezzo per un’offerta flash, ad Amazon non interessa: pagherai comunque la commissione sul prezzo originale.

Riuscire ad andare in profitto in questo modo non è facile, specialmente quando ogni giorno nuove persone si registrano alla piattaforma come venditori e aggiungono prodotti simili ai tuoi.

Con una landing page invece, la piattaforma sei tu e tu fai le regole. Se vuoi offrire il pagamento online, puoi usare Paypal e Stripe. Nel momento in cui scriviamo, le commissioni di Stripe sono l’1,4%. Il 13% in meno rispetto alla media di Amazon, che rimangono nelle tue tasche.

Se vuoi offrire pagamento in contrassegno, esistono diversi servizi in Italia che si occupano della logistica per te. Troverai al di fuori da Amazon tante aziende, ugualmente valide, pronte a supportarti per ogni step della vendita.

3. Puoi Tenerti i Clienti

Uno dei punti più importanti: Amazon non condivide con te i dati dei tuoi clienti. Quando una persona acquista un tuo prodotto, l’unico modo di contattarla è attraverso una speciale email di Amazon che nasconde il reale indirizzo email del cliente. Questo non ti permette di creare un database di persone da ricontattare, che è uno degli asset più importanti per un’azienda.

Con una tua Landing Page invece puoi crearti le due liste più importanti: quella di potenziali clienti e quella di clienti.

La “lista di potenziali clienti” è quella lista di persone che hanno dimostrato interesse verso il tuo prodotto, magari lasciando Nome, Email e numero di telefono, ma non hanno ancora completato l’ordine. Puoi ricontattare quante volte vuoi queste persone per condividere nuove informazioni sul tuo prodotto e convincerle ad ordinare.

La “lista di clienti” rappresenta il gruppo di persone che hanno già pagato la tua azienda. Questa lista rappresenta il tuo oro e dovresti cominciare a crearla il prima possibile, così negli anni ti ritroverai con un tesoretto di persone in target che si fidano e comprano da te più e più volte.

Puoi utilizzare la tua lista clienti per ottimizzare sempre di più le tue campagne pubblicitarie. Dandola in pasto a Facebook o Google, l’intelligenza artificiale di questi colossi troverà automaticamente altre persone con interessi simili che compreranno il tuo prodotto, abbassando i costi pubblicitari.

Nel caso di exit (vendita dell’azienda), una delle cose che gli investitori chiedono è proprio se l’azienda ha una base di clienti da contattare e sfruttare per ulteriori vendite. Il fatto che la maggior parte delle tue vendite provengano da Amazon non è visto bene, perché non hai in mano i tuoi clienti.

4. Detti Tu le Condizioni (anche Sul Rimborso)

Vuoi creare bundle con più prodotti? Sconti particolari per quantità maggiori? Vuoi scrivere che la spedizione avviene entro un mese perché è un prodotto fatto a mano e viene prodotto nel momento in cui ricevi il pagamento?

Molti business si trovano in difficoltà perché Amazon permette ai clienti di rimandare indietro il prodotto e di ottenere il rimborso, a spese del venditore e senza alcuna possibilità di appellarsi. Sono numerosi i casi di venditori che si lamentano di vere e proprie truffe da parte dei clienti, che mandano indietro prodotti diversi da quelli che hanno ricevuto.

Con una tua landing, invece, non ci sono limiti a quello che puoi scrivere e alle condizioni che puoi impostare sull’offerta e sul tuo prodotto. Decidi tu se applicare Garanzia “Soddisfatti o Rimborsati”, o meno ed in che casi.

5. Puoi Vendere Quello Che Vuoi, Come Vuoi

Amazon ha delle regole molto rigide, e a volte anche difficili da capire, riguardo l’approvazione dei prodotti. Qui trovi una lista delle categorie di prodotti vietati.

Se il prodotto rientra tra quelli accettati, bisogna capire qual è la categoria più adatta e spesso la documentazione richiesta è tanta, e può cambiare anche al successivo rifornimento.

Con la tua landing page invece sei libero di scrivere ciò che vuoi e vendere come vuoi, per sfruttare tutte le leve persuasive che convincono la persona ad acquistare.

In una landing page puoi inserire delle video o audio testimonianze di persone che confermano che il tuo prodotto è il migliore, puoi inserire offerte con scadenza supportate da un conto alla rovescia.

Qual è il Primo Step?

Con questo articolo speriamo di averti aperto gli occhi sul fatto che esiste una realtà diversa e per molti aspetti migliore di Amazon. Una realtà in cui sei tu al comando del tuo business, un comando che nessuno può toglierti di mano.

Con il giusto prodotto, e con il giusto marketing, le vendite di un prodotto possono arrivare anche a decine di migliaia di euro di fatturato al giorno.

Come fare il primo passo? Ci sono due modi principali di procedere.

Il primo modo è quello di fare per conto tuo: puoi addentrarti nel mondo del marketing a risposta diretta e cominciare a studiare come organizzare un Funnel di vendita per un prodotto fisico, cosa è un funnel email persuasivo, una sequenza di lancio, una squeeze page etc…etc… Il materiale da studiare è veramente tanto e solamente per cominciare a capire qualcosa su come organizzare il sistema ci potresti impiegare dai 6 mesi ad 1 anno.

L’altra possibilità, se hai budget da investire, è quella di delegare tutto a dei professionisti come noi di LetMeCopy.

LetMeCopy è la prima agenzia di marketing persuasivo in Italia che aiuta gli imprenditori che fanno eCommerce a delegare il marketing, per permettergli di scalare le vendite da poche decine a centinaia/migliaia al giorno grazie ad Internet.

Il nostro team non è infinito, per cui preferiamo lavorare su progetti che hanno obiettivi grossi e che ci appassionano. Ogni mese accettiamo solamente 2 nuovi clienti scegliendo, tra le candidature che ci arrivano, quelli che secondo noi hanno il potenziale per fatturare centinaia di migliaia di euro al mese.

Pensi di avere le giuste carte per diventare nostro cliente? Compila la candidatura per una call strategica con noi. e descrivi con precisione di cosa si occupa la tua azienda. Analizzeremo la tua richiesta e ci metteremo in contatto con te per approfondire.

Clicca qui per compilare la tua candidatura e delegare la vendita del tuo prodotto a LetMeCopy!

delega il marketing a noi

  • Avatar
    Vittorio Faraco

    Gennaio 7, 2020 at 10:34 am

    Articolo molto interessante!

    Mi vengono in mente molti marchi che lavorano esclusivamente su canali propri, con un gran ritorno in fatto di branding.

    Amazon può sì aumentare vendite ed eliminare alcune “rogne”, ma toglie anche tutte le possibilità di personalizzazione dell’esperienza che ci sono avendo un ecommerce proprio.

    Reply

  • Avatar
    Francesca

    Gennaio 7, 2020 at 10:46 am

    Articolo molto interessante, concordo sul fatto che è sempre meglio essere padroni del destino invece di delegarlo a qualcun’altro. Grazie mille delle preziose informazioni fornite.

    Reply

  • Avatar
    Emanuela

    Gennaio 7, 2020 at 11:03 pm

    Diciamo che in un momento come questo dove le vendite online sono aumentate mettendo in ginocchio molti commercianti , proporre una landing page e se non sei capace te la facciamo noi e’ una bella mossa!!! 👍

    Reply

  • Avatar
    vito

    Gennaio 8, 2020 at 3:50 pm

    considerazioni che condivido in pieno.

    quale piattaforma/software consigliate per un piccolo ecommerce?

    Reply

    • admin
      admin

      Gennaio 8, 2020 at 4:10 pm

      Ciao Vito, non esiste una piattaforma perfetta ma dipende dal tipo di business e dalla esigenze. Woocommerce, shopify sono le piattaforme più famose ma in realtà i nostri clienti cominciano spesso con landing monoprodotto e con form per pagamento in contrassegno. Questo perché è una buona strategia concentrarsi su un solo prodotto e portare le vendite al massimo tramite traffico a pagamento piuttosto che disperdere le energie su tanti prodotti. Se stai pensando di lanciare un prodotto e ti serve aiuto, compila il form qui per una call strategica https://letmecopy.com/go/strategy-call-amazon/

      Reply

  • Avatar
    mauro

    Gennaio 9, 2020 at 6:16 pm

    molto interessante…si può lavorare anche senza partita iva?

    Reply

    • Let Me Copy
      Let Me Copy

      Gennaio 10, 2020 at 9:21 am

      In questo caso meglio rivolgersi ad un commercialista ma di solito l’attività di vendita online viene vista come continuativa quindi è richiesta un p.iva o un’azienda.

      Reply

  • Avatar
    Alessandro

    Gennaio 9, 2020 at 6:30 pm

    Buonasera, io credo che la soluzione perfetta sia ampliare i propri orizzonti facendo entrambe le cose e non limitarsi o all’una o all’altra

    Reply

    • Let Me Copy
      Let Me Copy

      Gennaio 10, 2020 at 9:23 am

      Differenziare le fonti di guadagno è un ottimo modo di proteggere il proprio business, siamo d’accordo con te.

      Reply

  • Avatar
    Antonio Maoggi

    Gennaio 11, 2020 at 2:02 pm

    Io acquisto, per cui ho solo vantaggi, infatti resi restituzioni riaccrediti sono veloci e precisi, ma leggendo l’articolo ho provato empatia verso le aziende a cui hanno chiuso l’account, ma noi compratori abituali solo in rari casi possiamo avere contatti con i vari fornitori de network Amazzon, per cui la lotta deve essere delle ditte venditrici magari consorziate per avere un potere contrattuale che altrimenti non hanno.

    Reply

Scrivi un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Attention Age LTD
BG205461042
25 Vitosha Blvd., fl. 2. 1000 Sofia Bulgaria

delega il marketing a noi