Come Aumentare il Tasso di Apertura delle Email - LetMeCopy

24 Febbraio, 2020by Staff LetMeCopy0

Hai iniziato a fare email marketing ma ti accorgi che le tue mail vengono allegramente ignorate dagli iscritti alla tua mailing list. Cosa puoi fare per migliorare la situazione? Oggi voglio spiegarti cosa c’è dentro il kit di pronto soccorso per le email che non vengono aperte.

Intanto, però, vediamo un attimo quali sono i parametri di riferimento. Magari scoprirai che i tuoi tassi di apertura non sono così male come credi, o sono addirittura ottimi:

  • Lead magnet: quando spediamo ai nuovi iscritti il bonus gratuito che abbiamo promesso in cambio dell’iscrizione alla mailing list, un buon tasso di apertura è 65-75%;
  • Newsletter: secondo i principali studi in merito, la media tra i diversi settori è del 25-30% di click per aprire l’email. Parliamo, ovviamente, di campagne create con testa e ben ottimizzate:
  • Offerte: se la nostra email ha per oggetto sconti, offerte a tempo e promozioni in corso, possiamo aspettarci un tasso di apertura del 15-20%.

Se i tuoi valori sono contenuti in questa fasce, sono abbastanza buoni (ma possono essere migliorati). Al di sopra di questi valori stai andando forte, al di sotto di questi valori stai andando male.

Ecco cosa puoi fare per migliorare la situazione.

1 – Personalizza le tue email

La prima cosa che puoi fare è utilizzare i dati di ogni iscritto per creare delle email personalizzate su grande scala. Inserire il nome proprio dell’utente nell’oggetto della mail può aumentare il tasso di apertura del 22%, ed è davvero facile se sai come usare l’autorisponditore.

Altri metodi di personalizzazione sono:

  • Inviare mail per il compleanno dei tuoi utenti
  • Creare dei segmenti di pubblico e inviare mail specifiche ad ogni segmento (se hai un negozio di animali, non inviare mail sui cani a chi ha un gatto e viceversa)
  • Sincronizza i tuoi segmenti di pubblico con la lista di acquisti che sono stati effettuati presso la tua attività, in modo da non riproporre un prodotto a chi lo ha già acquistato
  • Per alcuni business, funziona molto bene sfruttare la stagionalità. Ad esempio, se hai una palestra, può essere utile ricordare ai tuoi iscritti che il loro abbonamento sta per finire e creare un’offerta a tempo per rinnovarlo a prezzo scontato. Questo unisce il senso di urgenza alla personalizzazione, ed è una bomba che non so se mi pentirò di averti rivelato gratis in questo articolo. Fanne buon uso.

2 – Elimina i contatti non proficui

“Ma con la fatica che ho fatto per creare questa mailing list ora dovrei davvero eliminare della gente?”

Già, già, è proprio così. Se ti serve puoi prenotare una seduta dallo psicologo la prima volta, capisco che sia una decisione difficile se non lo hai mai fatto. Ma serve davvero tanto.

Certo, è chiaro che questo sia un po’come alzare artificialmente il tasso di apertura. Ma credimi, come non si resuscitano i morti, non si recupera l’apertura di qualcuno che ti ha sistemato in spam vita natural durante.

Eliminare i contatti inutili non serve soltanto ad aumentare la metrica del tasso di apertura. Serve a evitare che i gestori dei software di email (Outlook, GMail, ecc.) decidano che le tue email sono spam. Se molte persone che ricevono le tue newsletter non le aprono, o peggio ancora le sistemano in spam, puoi essere sicuro che altre persone si ritroveranno i tuoi messaggi nella posta indesiderata.

La patologia del disinteresse è un virus che, attraverso la casella della posta indesiderata, contagia anche chi davvero potrebbe spendere tanti soldi nella tua attività. E siccome non vuoi questo, ferma la pandemia ed elimina quei contatti inutili.

3 – Non spedire tanto per fare

Supponiamo che tu invii le tue email una volta a settimana. Il buon marketer, ogni giorno della settimana, si alza sapendo che quel giorno dovrà trovare un po’di ispirazione per la newsletter che spedirà tra sette giorni.

Dopo colazione, inizia a creare dei contenuti meravigliosi che andranno inseriti con cura all’interno del layout della mail. Si premura che sul blog escano dei pezzi freschi e di spessore, progetta video che verranno pubblicati con successo, e si sforza di pensare ad un testo che sia il collante perfetto tra contenuti, persuasione, presentazione di offerte, e tutto ciò che andrà nella newsletter.

Dopo una settimana di duro lavoro, si mette al computer con la stessa flemma con cui Senna entrava in macchina. E sa che fino a che non avrà costruito un capolavoro, non alzerà le natiche da lì.

Questo è come si coltiva una newsletter con alti tassi di apertura. Se le persone trovano interessante e di valore il tuo contenuto, continueranno ad aprire le email. Se invece ti siedi amareggiato per il lavoro di scrittura e non hai preparato niente, finirai per spedire una ciofeca che allontanerà i tuoi lettori.

Scrivi qualcosa di meraviglioso ogni singola volta. Se non riesci a scrivere qualcosa di meraviglioso, rivolgiti a chi usa per le parole per lavoro: Letmecopy è pronta per sganciare sulla tua mailing list delle bombe di copywriting che, oltre al tasso di apertura, fanno saettare il tuo fatturato.

4 – Scrivi come se fosse un tuo amico

Magari pensi che per scrivere alla mailing list sia necessario darsi un tono, sai, fare come le aziende in cui tutti sono in giacca e cravatta. Invece no, se vuoi scrivere una bella email che viene letta e aperta dai tuoi utenti devi scriverla come se fosse diretta ad un tuo amico.

Tutta la mail, fin dall’oggetto. Parlando di oggetto della mail, di’la verità, pensavi che avremmo parlato chissà quanto di questa cosa a proposito di tassi di apertura.

In realtà, se vuoi che l’oggetto sia efficace, evita il click bait. Le cose come:

Il 99% di chi usa lo shampoo sbaglia questo (ATTENZIONE!!)

Funzionano per due o tre volte, magari sporadicamente, ma ben presto inizia a dar fastidio. In realtà, anche l’oggetto dovresti pensarlo così. Come una frase che puoi dire in 3 secondi ad un tuo amico per convincerlo ad ascoltarti.

Sii naturale, il che non vuol dire che non devi utilizzare le tecniche di copywriting persuasivo. Significa che devi usarle senza farle notare, come le note del basso in una canzone pop. Inserisci il tuo processo di persuasione all’interno di una chiacchierata tra amici, metti il tutto per iscritto, e otterrai una email spettacolare dall’oggetto fino in fondo. Non solo, ma vedrai che le persone torneranno per leggere quelle successive.

Oppure chiama Letmecopy, prima che lo facciano i tuoi competitor. E ci pensiamo noi.

delega il marketing a noi

Scrivi un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Attention Age LTD
BG205461042
25 Vitosha Blvd., fl. 2. 1000 Sofia Bulgaria

delega il marketing a noi